Contatti Scuola

Sfatare il mito


Esistono ancora molti falsi miti sui pidocchi della testa. Ecco alcuni tra gli errori più comuni e la verità.


Pidocchi: tra mito e realtà


Gli “insetti rampicanti“ che amano gli uomini.

I pidocchi non possono saltare o volare, ma sono degli scalatori formidabili e veloci, abilissimi a nascondersi. Vivono solo sugli esseri umani: gli animali non portano i pidocchi dell’uomo. Avere i pidocchi non ha niente a che fare con l'igiene personale; i pidocchi possono vivere in tutti i tipi di capelli e non distinguono tra capelli puliti o sporchi.


"Tagliare i capelli a un bambino è il modo migliore per liberarsi dei pidocchi?

I pidocchi amano vivere a contatto con il cuoio capelluto e possono sopravvivere su capelli lunghi anche soltanto 2 mm; quindi, tagliare i capelli corti non risolve necessariamente il problema e può essere molto traumatico per il bambino


"Gli animali possono essere portatori e trasmettere i pidocchi della testa?

I pidocchi della testa possono vivere soltanto sugli esseri umani, non è possibile contrarli dagli animali


Prolifici e molto resistenti.

La femmina riesce a deporre circa 300 uova (lendini) in un ciclo di vita di 3 settimane. Ogni uovo si schiude in circa 10 giorni e raggiunge la forma adulta dopo 2 settimane: la sua crescita rapida è dovuta alla frequenza della sua alimentazione che prevede ben “cinque” pasti al giorno forniti dalle nostre teste.


Il loro habitat preferito.

Non bisogna temere che i pidocchi si diffondano su vestiti, mobili o biancheria da letto: atti di pulizia estrema sono un eccessivo dispendio di energia e tempo.


Se li “trattiamo” bene se ne andranno?

L’infestazione dei pidocchi non è considerata un rischio per la salute ma solo un fastidio che deve essere opportunamente trattato: il pidocchio del capo, infatti, non è in grado di trasmettere agenti infettivi da un soggetto all’altro.


Su per “tutta“ la testa.

Quando si applica il trattamento, bisogna coprire l’intera lunghezza dei capelli e lasciar agire il trattamento per il tempo consigliato, avendo l’accortezza di proteggere gli occhi e il viso e seguendo quindi attentamente le istruzioni riportate sulla confezione.


Check, la buona pratica del controllo.

Controlla i capelli del tuo bambino un paio di giorni dopo il trattamento per verificare che tutti i pidocchi siano stati uccisi. Se indicato sulle istruzioni della confezione e se necessario, effettuare una seconda applicazione, una settimana dopo la prima, per uccidere i pidocchi che possono essere nati dalle uova sopravvissute. Continuare quindi a verificare la presenza di pidocchi in modo regolare, ogni settimana.


Un occhio a tutta la famiglia.

Se sono stati trovati pidocchi, occorre dare uno sguardo da vicino a tutta la famiglia, mamma e papà inclusi, e informare i vicini di casa, gli amici, le persone con cui si vive più a contatto. Consultare quindi il farmacista per avere suggerimenti sul trattamento da poter utilizzare.

Regole d'Oro

1
CONTROLLARE

È possibile diagnosticare un'infestazione con assoluta certezza soltanto in presenza di un pidocchio vivo.

Leggi

2
PROTEGGERE

Nonostante tutte le pratiche d'igiene della mamma, sono tante le occasioni per il bambino di venire a contatto con i pidocchi

Leggi

3
TRATTARE


È importante
seguire perfettamente le istruzioni del trattamento

Leggi